1

App Store Play Store

riso

CASELBELTRAME- 20-05-2022-- Il museo del Museo del Riso ‘l Civèl a Casalbeltrame ospiterà un incontro per ripercorrere la storia delle risaie e di chi le popolava. Fra i relatori dell’appuntamento, alle 17 di sabato 21 maggio, anche Patrizio Roversi, conduttore televisivo e divulgatore culturale, noto al grande pubblico per la partecipazione a programmi Rai e Mediaset, come Linea Verde, Lupo Solitario, Turisti per Caso, L’Araba Fenice, Drive In, Slow Tour Padano.

L’appuntamento rientra nelle attività di studio e documentazione propedeutiche alla realizzazione di una nuova sezione museale denominata La bottega del sellaio, all’interno del Museo del Riso e del complesso espositivo delle contadinerie dell'Artis Pagus.
L’innovativa sezione che è alla base del convegno di studi e delle azioni di presentazione dell’allestimento museale, è dedicata ad una delle più significative attività dell’artigianato di servizio della Civiltà del Riso in Piemonte, quella dei “Sellai” che svolgevano un ruolo fondamentale nella fornitura di attrezzi e componenti di lavoro per i grandi cavalli da tiro, quotidianamente impiegati nei lavori in risaia (aratura, livellamento terreni, compattamento del fondo), nelle aie e nelle corti delle cascine (come la "tresca" operazione di battitura e prima sbramatura del riso) e nel traino dei pesanti carri agricoli destinati al trasporto di riso, frumento, fienagioni e dei lavoranti di risaia (mondariso, trapiantine, e braccianti). La Bottega del Sellaio, che si affianca al racconto generale ed all'esposizione dei numerosi carri da lavoro agricoli collezionati nel Cascinale dei Nobili, viene a costituire un "plus" di grande rilievo in quanto introduce le trattazioni museali tematiche delle numerose attività a supporto del lavoro della risaia, soprattutto di quelle attività che, a fronte dell'evoluzione produttiva, hanno conosciuto un declino progressivo fino al completo abbandono intorno alla metà del secolo scorso e che, purtroppo, rischiano di scomparire irrimediabilmente anche dalla memoria storica.